…Tre passi per superare il perfezionismo

 

 Fare una cosa per bene (“dare il meglio di sé”) e tenersi fuori dalla trappola del perfezionismo è possibile?

Si. In tre mosse. 

[…]

PUNTO PRIMO: impara a riconoscere il potere DISTRUTTIVO del voler essere PERFETTI.

L’idea di voler apparire perfetti è solo nella nostra testa. Ciò che ho in mente io, non può essere esattamente nella tua testa. E’ impossibile. Quindi già cade l’idea di poter raggiungere una perfezione oggettivamente tale. Significa che il mio massimo impegno non sarà mai percepito fuori di noi allo stesso modo. Certo persone empatiche esistono, ma nessuno, se non te stesso, può sentire, lavorare, pensare, credere, sbagliare come lo fai tu.

Quindi inutile non fare perché credi che non ne valga la pena!

PUNTO SECONDO: metti a tacere il bisogno di tenere OGNI COSA sotto controllo.

Ti stai chiedendo cosa centri un discorso del genere? Ebbene, se smetti di credere di fare tutto e di poterlo fare in modo impeccabile, ti sentirai meno stressato, più tranquillo, la mente sarà più lucida per poter lavorare in maniera produttiva.

Ammetti di non poter fare tutto: eviterai di SPRECARE tempo a lamentarti di non aver tempo!

PUNTO TERZO: investi la tua attenzione su di un SOLO obiettivo e portalo a termine.

Questo è il punto più difficile, perché comporta l’ultima, inevitabile mossa per eliminare dalla nostra mente l’idea della perfezione. Spesso, e ciò vale anche per me, la debolezza del perfezionista si annida dentro una ben nascosta paura. Quella di apparire, di mostrarsi inadeguati. Allora ci mettiamo in posizione di attacco: mostriamo gli artigli ed iniziamo tanti e tanti progetti, studiamo le tecniche migliori, imitiamo i grandi…

NON IMITARE, SII AUTENTICO

Perché il perfezionista non porta a termine le cose? Per paura di trovarsi di fronte ad un risultato mediocre, o peggio, per paura di finire qualcosa. Il perfezionista non si impegna a finire perché non è la cosa che più vuole realmente. Il perfezionista punta ad essere descritto come tale, come persona affidabile ed efficiente, e non per ciò che davvero fa!

disguise-truth_pixabay

Inizia e finisci una cosa. Guardala. Da tutte le angolazioni, annota cosa non ti va bene, cosa ‘volevi fare meglio’ e chiedi agli altri. Condividi. Condividi il tuo perfezionismo. Ti sentirai apprezzato, amato e rispettato dagli altri, anche con gli errori!

Vinci la tua paura di non esser abbastanza e avrai distrutto la tua mania distruttiva di perfezionismo.

La vita è un passo dopo l’altro. Non si arriva mai. Chi si crede arrivato è perduto!

Solo con queste consapevolezze potrai distruggere il tuo ego perfezionista:

_ sottolinea dove il tuo perfezionismo ti blocca, ti ostacola;

_ guarda la tua agenda, i tuoi impegni settimanali e fai pulizia. Riduci le COSE che vuoi fare. Fanne poche per volta.

_ porta a termine il/i progetti che hai deciso di voler fare. Finiscili. Metti un punto. Ammetti fin dove oggi, solo oggi, puoi arrivare.

Domani comincerai un’altra sfida, sbaglierai di nuovo, ma vincerai lo stesso.

[Precedente]

Keep calm and write

Marina

Keep calm and write

comments

Author: iovorreiscrivere

Hi! Nero su bianco. E' tutto qui. Ci ho pensato tanto, ho imboccato un sacco di strade. Poi mi sono fatta coraggio e ho aperto il blog. E' per te che vuoi condividere. E' per te che ti senti inadeguato. E' per te che credi di non aver posto. Insieme potremmo inventarci una strada adatta a noi. Ti chiedo uno strumento solo: la scrittura. Keep calm and write Marina

1 thought on “…Tre passi per superare il perfezionismo”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *