Il piccolo Nelson (finale)

[…] Si addormentò, o così gli sembrò. Quando riprese i sensi era ancora solo in camera dei genitori, non lo aveva raggiunto neppure Bill.

Guardò l’orologio, le 14! “Mamma tornerà a momenti”, pensava felice, si tirò sul letto e cominciò a saltarci sopra, anche questo l’avrebbe fatta molto arrabbiare. Poteva cadere e farsi male, ma non gli importava, non c’era nessuno per fermarlo: mise male il piede e si ritrovò di schiena a rimbalzare sul materasso, era divertente!

L’occhio gli cadde sullo specchio grande di fronte al letto, quello che la mamma usava tutti i giorni per ‘darsi un’ultima occhiata’, come diceva sempre.

Non stava saltando nessuno sul letto. Non c’era nessuno in quella stanza!

Ghiaccio, freddo e di nuovo dolore. Nelson si mise le fredde e piccole mani davanti la bocca per non urlare.

Udì le chiavi nella toppa della porta principale, “la mamma è tornata”, pensò. 

pixabay

Scese dal letto e fece veloce le scale senza dire una parola. La mamma stava entrando con due borse della spesa su di un braccio <<Aspettami mamma ti do una mano”, non vedeva l’ora di abbracciarla. Le corse incontro, ma lei non si volse neppure a sorridergli, era vicino: <<Mamma, dà qua>>, disse.

Lei chiuse la porta e, un passo dopo l’altro, si dirigeva in cucina.

Alzò la testa e vide la cucina in subbugglio; <<Bill, cagnaccio, cosa diavolo!>>

Nessuna parola, nessuno sguardo per Nelson.

Le scarpe nere ed eleganti di mamma gli calpestavano prima i piedini nudi.

Poi le gambe di mamma gli passarono attraverso.

Solo.

Nessun dolore.

Nessun Nelson. 

FINE

Keep calm and write

Marina

Keep calm and write

comments

Author: iovorreiscrivere

Hi! Nero su bianco. E' tutto qui. Ci ho pensato tanto, ho imboccato un sacco di strade. Poi mi sono fatta coraggio e ho aperto il blog. E' per te che vuoi condividere. E' per te che ti senti inadeguato. E' per te che credi di non aver posto. Insieme potremmo inventarci una strada adatta a noi. Ti chiedo uno strumento solo: la scrittura. Keep calm and write Marina

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *