Pausa caffè. Quando essere belli è una colpa

 

Il “senso di colpa” e la bellezza. Sentirsi colpevoli di uno stato naturale è sintomo di poco ascolto di se stessi.

 

Più volte ho scritto e mi ritrovo a pensare alla consapevolezza di se stessi. Eppure mi accorgo che potrei parlarne ancora e ancora. Molte cose cambiano se facciamo pace con noi stessi e se accettiamo come siamo.

Questa volta parliamo di bellezza.

Quanto non mi piace l’orchidea! Così dritta e protesa verso l’alto. Così altezzosa per soli 4 petali!”

Commentai ad alta voce.

Sembra vanitosa, ma non lo è. E’ nata così. Non ne ha colpe! E’ nata bella!”

Questa inaspettata risposta di un’amica mi diede da pensare.

 

Una terapeuta, una volta, parlando appunto del senso di vergogna che alcune persone avvertono quando notano sguardi di apprezzamento, mi disse: “Molto dipende da come quella persona ha paura di sentirsi. E due sono i soli stereotipi a cui si pensa: o santa, o putt***”. 

pixabay___

Quella chiacchierata mi ritorna alla mente ancora: parole dure ma ben chiare che mi ricordano quanto la nostra mente giochi con le nostre emozioni.

Di fronte ad un commento, uno sguardo, un apprezzamento di un estraneo, c’è chi non si sofferma, c’è chi sorride compiaciuto, c’è chi risponde e ne incoraggia altri. C’è chi, come me, prova un senso di vergogna e pensa “perché mi guarda? Ho qualcosa che non va? Non sono in ordine? Dio che imbarazzo (mentre le mani cercano di tirare giù le magliette fino alle ginocchia)”

Ma quale è la reazione giusta? Non esiste.

La cosa importante è COMPRENDERE quanto le nostre reazioni siano dettate da un pregiudizio che abbiamo verso noi stessi o meno.

Mi spiego.

Perché provo quel senso di colpa? Il senso di colpa è una reazione antica, primordiale, che ci difende, ci tiene in allerta. Il senso di colpa deriva da un’idea, anzi da un ideale, perfetto quanto irreale, che abbiamo di noi stessi.

Chi prova senso di colpa verso se stesso perché attrae sguardi indiscreti, in realtà sta provando vergogna per il proprio corpo.

E provare vergogna per ciò che siamo NON è una reazione NATURALE.

Che significa? Avete mai osservato un animale che smette di fare le normali azioni per vivere perché si sente brutto?

Avete mai osservato un fiore che smette di nutrirsi perché attrae troppe api?

Provare vergogna per le attenzioni che altri ci rivolgono, diciamocelo, è puro imbarazzo causato dall’illusa idea di sentirsi dei vanitosi, delle persone cattive, sporche, amorali. Arriviamo a sentirci INADEGUATI, fino ad odiare il nostro corpo, per la fottuta paura di provare emozioni sbagliate.

Un complimento, uno sguardo di apprezzamento è quindi inteso quasi come un’offesa o un ammonimento. Provare senso di colpa per come si è, deriva quindi da un IDEALE (personale e soggettivo) di come una cosa (in questo caso un corpo) debba essere.

Chi prova senso di colpa, di solito, nutre un ideale così lontano dalla realtà dei fatti che spreca tutto il suo tempo a raggiungerlo, piuttosto che a valorizzare e capire quanto valiamo.

Il peso di questo carico emotivo si traduce in eccessiva emotività che ci fa provare vergogna per come SOLO, miseramente, riusciamo ad essere.

Se invece ci guardassimo allo specchio e leggessimo con umiltà i nostri pensieri, conosceremmo la realtà, comprenderemmo chi siamo. Scopriremmo le nostre pecche e i punti deboli.

E se ti scoprissi vanitosa? Ridi! Se ti scoprissi presuntuosa? Ridi! Se ti scoprissi un po’ superficiale? Ridi! Perché è ciò che sei e devi esserne conscio e fiero!

Guardando un’orchidea io vedevo un’eleganza ostentata ed un’innaturale postura rigida, che mi faceva subito pensare alla vanità.

Che quella vanità avesse attratto anche me, mi faceva sentire in colpa.

pixabay___

MI SENTIVO IN COLPA PERCHE’ STAVO APPREZZANDO UNA COSA BELLA.

Eppure l’orchidea non sta in posa, non ostenta nulla! E’ nata in questo modo, così come il girasole è nato per voltarsi e seguire il sole, così come il piccolissimo fiore di camomilla è nato per essere confuso con una margherita bianca!!! 🙂

Quell’orchidea che ho disprezzato era magnifica! E non fingeva di esserlo, non si era messa in posa per me, non sarebbe cambiata se avessi voltato lo sguardo! Le cose belle, così come le persone belle (sia dentro che fuori) sono fatte così e saranno notate. Non c’è nessuna colpa in questo! Nessuna vergogna.

IL SENSO DI COLPA E’ UN IDEALE TRATTENUTO__ insopportabile come uno starnuto trattenuto___ IL SENSO DI COLPA E’ UN INGRANAGGIO NEL PROCESSO DI MATURITA’ E RESPONSABILIZZAZIONE CHE TUTTI AFFRONTIAMO.

LASCIARE ANDARE IL SENSO DI COLPA SIGNIFICA CRESCERE.

Keep calm and write

Marina

Non Dimenticare! Dopo Aver Commentato, Spunta Per La Ricezione Di Una Mail! Potrai Rimanere In Contatto Con Me E Con Chiunque Voglia Risponderti!

Keep calm and write

comments

Author: iovorreiscrivere

Hi!
Nero su bianco. E’ tutto qui.
Ci ho pensato tanto, ho imboccato un sacco di strade. Poi mi sono fatta coraggio e ho aperto il blog.
E’ per te che vuoi condividere.
E’ per te che ti senti inadeguato.
E’ per te che credi di non aver posto.
Insieme potremmo inventarci una strada adatta a noi.
Ti chiedo uno strumento solo: la scrittura.

Keep calm and write
Marina

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *