Tutta colpa di quel fottuto fortunato fotone (2a parte)

(…)

La quantità di Gray, cioè di Joule di energia per chilogrammo, a cui era stato esposto nell’ultimo anno di lavoro, gli aveva procurato un rallentamento di alcuni centri periferici neuronali, problemi alla vista di un certo peso ed ispessimento del tessuto osseo della colonna vertebrale, come risposta indotta di protezione del suo corpo.

Continue reading “Tutta colpa di quel fottuto fortunato fotone (2a parte)”

Gennaio in giardino e nel cuore: preparare il terreno

Gennaio. Un nuovo inizio.

Ci siamo augurati il meglio, abbiamo stappato bottiglie importanti per festeggiare progetti nuovi, abbiamo brindato ai successi e ci siamo lasciati alle spalle brucianti sconfitte. 

Continue reading “Gennaio in giardino e nel cuore: preparare il terreno”

Segni

Si stiracchiò nel letto, contenta, come ogni mattina, che un altro giorno avesse inizio.  Dopo qualche brivido di freddo, saltò giù dal letto e si diresse in cucina per prepararsi la colazione. Continue reading “Segni”

Pausa caffè: imparare ad Aspettare

Mia mamma mi dice sempre “ogni cosa ha la sua cosa”. Mi irrita sempre quando mi risponde così! Lo dice per mettermi a tacere, per darmi tranquillità, per calmarmi, per darmi ragione. Insomma riesce ad usare sempre questa frase! Continue reading “Pausa caffè: imparare ad Aspettare”

Let’s start. Perché nessuno è inadeguato

Non c’è stato un unico momento, un’unica ragione, un unico scopo che mi ha dato coraggio e mi ha spinta ad aprire questo blog. Ho la testa dura (lo so) e mi sono servite diverse cadute prima di capire, molte volte l’evidenza ha bussato alla mia porta, ma non ho mai aperto. Perché? Paura.

shutterstock
shutterstock

Una volta, sfogliando alcune foto, mi accorsi di quei primi segni di espressione che si distinguevano attorno agli occhi; ho cercato subito, quasi affannosamente, alcune immagini di me anni prima. La trovai: era il primo anno di università. Un’altra me, altri occhi, altro sorriso: sguardo più pulito, dritto di fronte alla macchina fotografica e sorriso ampio e felice. “Certo che ne è passata di vita”, pensai. Ma non diedi importanza alla cosa, e passò altro tempo. Continue reading “Let’s start. Perché nessuno è inadeguato”